di Niccolò Butti et al.

Il danno cerebrale precoce responsabile della paralisi cerebrale si associa non solo a deficit motori ma anche a difficoltà cognitive e delle abilità sociali. In particolare, studi precedenti hanno documentato alterazioni specifiche di percezione del corpo e di cognizione motoria associate a deficit motorio unilaterale in pazienti con emiplegia. Tuttavia, pochi studi hanno indagato queste alterazioni in pazienti con diplegia spastica, condizione caratterizzata da deficit motori bilaterali e frequentemente associata a difficoltà visuo-spaziali, attentive e di percezione sociale. Nel nostro studio abbiamo confrontato la prestazione di un campione di 30 bambini e adolescenti con diplegia spastica con quella di un gruppo di pari età a sviluppo tipico in due diverse prove comportamentali relative alla rappresentazione del corpo. Leggi tutto